NOTARIATO

Legittimo l’accertamento in base al vecchio redditometro

Legittimo l’accertamento in base al vecchio redditometro In tema di accertamento dei redditi con metodo sintetico ex art. 38 del d.P.R. n. 600 del 1973, la disponibilità di determinati beni (quali beni immobili e autoveicolo) integra, ai sensi dell’art. 2 del d.P.R. citato, nella versione “ratione temporis” vigente, una presunzione di capacità contributiva “legale” ai sensi dell’art. 2728 c.c., imponendo la stessa legge di ritenere conseguente al fatto (certo) di tale disponibilità l’esistenza di una “capacità contributiva”, sicché, secondo l’ordinanza n. 26672/2019 della Cassazione civile, il giudice tributario, una volta accertata l’effettività fattuale degli specifici “elementi indicatori di capacità contributiva” esposti dall’Ufficio, non ha il potere di privarli del valore presuntivo connesso dal legislatore alla loro disponibilità, ma può soltanto valutare la prova che il contribuente offra in ordine alla provenienza non reddituale (e, quindi, non imponibile perché già sottoposta… Leggi tutto »Legittimo l’accertamento in base al vecchio redditometro

Va assolto l’imprenditore che omette il versamento dell’IVA per pagare i dipendenti

Va assolto l’imprenditore che omette il versamento dell’iva per pagare i dipendenti Va esclusa la sussistenza del dolo generico, richiesto per la configurabilità del delitto di omesso versamento dell’iva previsto dall’art. 10 ter del D.Lgs. n. 74 del 2000, laddove l’imputato provveda al pagamento di dipendenti e fornitori in una prospettiva di continuità aziendale, nella convinzione, cioè, che tale scelta consenta di proseguire l’attività d’impresa attraverso il conseguimento di ricavi e di utili, venendo meno, così, la rappresentazione da parte dell’imputato della mancanza delle risorse necessarie per assolvere all’obbligazione tributaria. di Luisa Taldone – Avvocato cassazionista in Roma – Dottore di ricerca in Categorie Giuridiche e Tecnologia presso l’Università Europea di Roma Orientamenti giurisprudenziali: Conformi: Cass. pen. sez. III, 21 marzo 2019, n. 23796 Cass. pen. sez. III, 22 gennaio 2014, n. 12248 Cass. pen. sez. III, 24 giugno 2014,… Leggi tutto »Va assolto l’imprenditore che omette il versamento dell’IVA per pagare i dipendenti

Rapporto UNODC delle Nazioni Unite: Notariato istituzione cardine per la lotta a corruzione e riciclaggio

Rapporto UNODC delle Nazioni Unite: Notariato istituzione cardine per la lotta a corruzione e riciclaggio E’ stato pubblicato ieri sul sito UNODC delle Nazioni Unite l’ultimo rapporto relativo all’aderenza dell’ordinamento nazionale italiano a quanto stabilito dalla Convenzione contro la corruzione per il quinquennio 2016 – 2021, da cui emerge che l’Italia soddisfa pienamente i requisiti previsti in materia di anticorruzione e antiriciclaggio. I notai ed il Consiglio Nazionale del Notariato sono espressamente menzionati quale presidio di legalità nelle transazioni giuridiche e nel controllo antiriciclaggio: nello specifico, è stato manifestato particolare apprezzamento per la funzione preventiva e di controllo esercitata dai notai, per l’attività di segnalazione delle operazioni sospette e per l’efficacia delle linee guida per il contrasto al fenomeno di cui la categoria si è dotata. Per la prima volta, infatti, il Notariato è stato ufficialmente inserito tra le istituzioni cardine per la lotta alla corruzione… Leggi tutto »Rapporto UNODC delle Nazioni Unite: Notariato istituzione cardine per la lotta a corruzione e riciclaggio